Capitolo I

CODICE DEONTOLOGICO

Art. 1 - Codice Deontologico: principi generali

1.1. Il Codice Deontologico Bridge Insurance Services s.r.l. si ispira e recepisce, integralmente il Codice Deontologico dell' Associazione Italiana Brokers di Assicurazione e Riassicurazione (A.I.B.A.) , che ha da aversi, conseguentemente, qui interamente riscritto. Esso detta le regole di comportamento alle quali tutti coloro che a qualunque titolo operano all'interno di Bridge Insurance Services s.r.l. devono inderogabilmente attenersi.

1.2. I principi ispiratori del presente Codice Deontologico sono correttezza, rispetto, trasparenza, professionalità, solidarietà e salvaguardia di tutti gli interessi coinvolti.

Capitolo II

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

Art. 2 - Norme generali di comportamento

2.1. Il Broker di Assicurazione si differenzia dall' Agente di assicurazione, perché non ha vincoli di esclusiva con alcuna Compagnia Assicuratrice ed agisce in rappresentanza del Cliente fornendo un servizio specialistico professionale di consulenza ed assistenza nell'individuazione delle sue esigenze, nella valutazione ed analisi dei rischi e le sottopone alle Compagnie Assicuratrici per ottenere per lui le migliori condizioni normative ed economiche di mercato.

2.2. Il Broker di Assicurazione assiste il Cliente in tutto ciò che riguarda la gestione contrattuale, per i sinistri, agendo liberamente ed in pieno regime di imparzialità e di rapporto fiduciario nell'interesse del Cliente che gli ha affidato l'incarico.

2.3. Bridge Insurance Services s.r.l., nell' ottica di questa Etica, garantisce un servizio personalizzato per il Cliente e stabilisce con esso un rapporto che è rivolto alla stesura di specifici programmi assicurativi. Il valore della professionalità è messo al servizio dei Clienti in assoluta libertà di mercato e nell'interesse del Cliente per garantire una solida e duratura collaborazione.

2.4. Bridge Insurance Services s.r.l.., nell' esercizio della propria attività professionale di Broker di Assicurazione, si informa ai seguenti principi:

  • Lealtà professionale. Bridge Insurance Services s.r.l. tutela gli interessi del Cliente e lo rappresenta in tutti i rapporti assicurativi e nei contatti con le Compagnie di Assicurazione. Garantisce lealtà professionale verso il Cliente e antepone prima gli interessi del Cliente ai suoi. Dedica il proprio "know- how" e tutta la sua esperienza e competenza per effettuare il miglior servizio al Cliente nel rispetto delle regole, norme giuridiche, informando il Cliente dei suoi obblighi e diritti e lo assiste nelle fasi contrattuali e legali.
  • Indipendenza e Professionalità. Il Broker è una figura professionale indipendente, non agisce in rappresentanza di nessuna Compagnia di Assicurazione, ma rappresenta esclusivamente il Cliente che gli affida il mandato. Il Broker offre i suoi servizi con la massima accuratezza e professionalità. Informa e consiglia il Cliente per quanto può competergli professionalmente nel rispetto delle normative giuridiche e contrattuali.


2.5. Compiti professionali del Broker.I compiti del Broker sono strettamente connessi agli ordini che il Cliente chiede quali Sue specifiche esigenze. L'operatività professionale consiste in sintesi in:

  • Analisi del rischio: valutare i rischi da assicurare mediante un'analisi approfondita dei rischi che insistono a carico del Cliente valutando ogni situazione atta a ridurre od eliminare i rischi e fornendo la debita consulenza per la prevenzione
  • Formulazione Programma: si costruisce una proposta assicurativa con normative e clausolari in linea con le esigenze del Cliente informandolo delle possibili scoperture o di quei rischi che possono essere coperti a particolari condizioni, il tutto esponendo al meglio le garanzie contrattuali, le limitazioni, gli scoperti e le franchigie.
  • Indagine di mercato e piazzamento rischi: dopo la stesura di un Programma, il Broker si attiva per avviare le trattative con le Compagnie Assicuratrici, valutandone anche l'idoneità e la posizione nel mercato, per meglio proporre le soluzioni che sono state negoziate. La scelta viene orientata verso le condizioni migliori e più convenienti per il Cliente, analizzando e comparando le diverse trattative anche in funzione delle qualità, del servizio e dei sinistri, sempre e comunque agendo nell'ambito di Compagnie Assicuratrici regolarmente riconosciute dall'Autorità.
  • Gestione contrattuale: in base agli accordi ed al mandato conferito dal Cliente al Broker questi può cambiare e fare disdire i contratti nel rispetto dell'incarico che presuppone l'attuazione di formule sempre più correnti e convenienti per il Cliente. Amministra i contratti assicurativi affidatigli dal Cliente e si occupa di tutti gli aspetti contabili ed amministrativi sollevando il Cliente dalle formalità ed impegni di tipo contabile. La gestione avviene sempre monitorando le condizioni e garanzie in corso, confrontando sempre le nuove realtà di mercato che possono evolversi a vantaggio di una migliore copertura assicurativa; comporta anche il continuo controllo di aspetti amministrativi, conteggi dei premi da incassare e versare alle Compagnie Assicuratrici, la formulazione dei questionari da compilare per gli adempimenti di legge; mantiene un livello di controllo sempre elevato per verificare le circostanze che interessano i rischi, le eventuali variazioni od aggiornamenti, consigliare anche attraverso Consulenti esterni i sistemi di prevenzione dai rischi. Deve mettere a disposizione tutto il materiale di natura informativa contrattuale da esso elaborati per individuare meglio le aree di copertura dei rischi e fare acquisire al Cliente le maggiori informazioni sulle condizioni e garanzie contrattuali.
  • Assistenza in caso di sinistro: L'assistenza per i sinistri costituisce una delle fasi più importanti per il Cliente che deve essere seguito e sostenuto dal Broker dal momento dell' apertura della pratica fino alla conclusione. Tutti i percorsi che interessano i sinistri sono gestiti avvalendosi, nel caso, di Legali e professionisti che possono essere di supporto all' attività del Broker che intrattiene con le Compagnie i rapporti per una corretta liquidazione dei danni. Il Broker ha il compito di consigliare il Cliente nella formulazione corretta delle denunce di sinistro ed assisterlo nell'acquisizione delle prove documentali che meglio possono concorrere ad una più veloce liquidazione.

2.6. Qualifica del rapporto.Il Broker detiene un rapporto contrattuale sia con il suo Cliente (mandato d'intermediazione), sia con le Compagnie di Assicurazione (mandato di brokeraggio o di libera collaborazione). Attraverso il mandato il Broker si legittima anche verso la Compagnia di Assicurazione, che lo riconosce quale rappresentante degli interessi del Cliente. I rapporti, diritti e doveri tra Broker e Compagnie di Assicurazione sono stabiliti tramite un accordo scritto di collaborazione, ovvero contratti sottoscritti da entrambe le Parti che definiscono le regole amministrative e le regolamentazioni concernenti le commissioni.

2.7. Mandato d'intermediazione del Cliente. Si tratta di un contratto stipulato tra il Broker ed il Cliente che rappresenta un incarico che viene affidato al Broker di rappresentarlo verso le Compagnie di Assicurazione e gestire i propri contratti in tutti i rapporti che ne derivano. La natura del rapporto che si instaura tra il Broker ed il Cliente è di tipo fiduciario e presuppone che debba perdurare visto che viene affidato un incarico ampio di gestire il portafoglio assicurativo. Il mandato d'intermediazione autorizza il Broker a svolgere i propri compiti per ordine e per conto del Cliente in tutte le fasi di gestione e quindi per la conclusione dei contratti assicurativi, le variazioni e le disdette contrattuali. Con il conferimento di incarico scritto il Broker non diventa parte contrattuale ma riveste la figura di intermediario; resta intatto il rapporto giuridico contrattuale diretto tra il Cliente che stipula l'assicurazione e la Compagnia Assicuratrice che ne garantisce gli effetti. Anche in presenza di un ulteriore precisazione sul conferimento dell'incarico al Broker mediante apposita clausola inserita nelle polizze, cosiddetta "clausola broker", resta invariato il rapporto che sussiste tra Cliente e Compagnia di Assicurazione.

2.8. Obblighi professionali del Broker. Il compito principale del Broker consiste nell'assistere e fornire la consulenza finalizzata alla tutela degli interessi assicurativi e patrimoniali del suo Cliente, nel rispetto dei termini del mandato e degli accordi presi. Deve informare il Cliente in merito a tutte le comunicazioni che riguardano i contratti assicurativi, seguire le istruzioni da questi impartitegli e renderlo edotto su tutte le condizioni contrattuali ed eseguire i suoi ordini avendo il dovere di sconsigliarlo, ferma la propria decisione insistente, sulle soluzioni contrattuali che possono essere svantaggiose. Il Broker è obbligato a dare informazioni sulla situazione della sua ditta (solidità finanziaria, garanzia del segreto professionale, ecc.) ed a trasmettere tutti i documenti, ricevute, pagamenti, dichiarazioni del Cliente agli uffici competenti. In caso di risoluzione del mandato assicurativo, il Broker è obbligato a restituire tutti i documenti di spettanza del cliente. Mentre le copie ed i documenti appartenenti al broker rimangono depositate presso di lui anche dopo la fine del rapporto professionale.

2.9. Responsabilità del Broker. Il Broker è una figura professionale iscritta al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi RUI ed è obbligato ad avere una assicurazione a copertura di Responsabilità Civile verso terzi dell'attività professionale per danni corporali materiali e patrimoniali che dovesse causare a terzi nello svolgimento del proprio lavoro ed aderisce al Fondo di Garanzia istituito a salvaguardia di situazioni di insolvenza o inadempienze contrattuali.

2.10. Obblighi dei clienti.Il Cliente ha, oltre che gli obblighi contrattuali nei confronti della Compagnia Assicuratrice in dipendenza delle assicurazioni da esso stipulate, obblighi nei confronti del Broker derivanti dal conferimento del mandato che gli ha affidato, quindi obblighi legali, contrattuali, di informazione, ma soprattutto di reciproca lealtà verso l'impegno ed il compito professionale che il Broker svolge per suo conto.

2.11. Garanzia riservatezza e segreto professionale.Il Broker riceve da parte del Cliente informazioni e dati personali e strettamente confidenziali. È assoluto obbligo del Broker di trattare queste informazioni con la massima riservatezza e di preservarne i dati impedendone il comune accesso o conoscenza adottando tutte le misure idonee nel proprio Ufficio e col proprio personale. La trasmissione di tali dati a terzi può solo avvenire soltanto con il consenso del Cliente e possono essere fornite alla Compagnia Assicuratrice nei termini legali previsti e consentiti per stipulare le polizze di assicurazione o avere atti ad esse inerenti. Il tutto si svolge in pieno rispetto ed adempimento di quanto previsto alla legge sulla Privacy.

2.12. Obblighi del Broker verso l'Assicuratore. Il Broker è una figura professionale che agisce professionalmente in collaborazione con la Compagnia Assicuratrice. Entrambi devono rispettarsi reciprocamente avendo cura di avere estremo rispetto e lealtà dei rispettivi ruoli. Anche in questo caso si instaura un rapporto professionale fiduciario che comporta uno scambio di attività e servizi rivolti a soddisfare le esigenze del Cliente. Da parte sua il Broker mantiene sempre invariata la sua deontologica missione di avere cura e tutela degli interessi del Cliente nel rispetto della propria imparzialità di rapporto con gli Assicuratori e della garanzia che l'attività verrà svolta correttamente dedicando al Cliente tutti i servizi di gestione ed assistenza amministrativa e tecnica, evitando di creare qualsiasi situazione che possa assumere un profilo conflittuale con il servizio della Compagnia Assicuratrice.

2.13. Courtage (commissioni)Il Broker riceve la propria remunerazione attraverso le commissioni che gli riconosce la Compagnia Assicuratrice in percentuale sui contratti mediati. Salvo patto diverso col Cliente per attività professionali o situazioni che possono essere concordate tra le Parti, il Cliente usufruisce del servizio del Broker senza avere oneri a proprio carico poiché questi rappresenta una figura di mediatore atipico, ricevendo soltanto le commissioni dalla Compagnia Assicuratrice. Possono sussistere accordi diretti di onorario tra Cliente e Broker da concordare esplicitamente a seconda dei casi.

Art. 3 - Obblighi dei collaboratori

Tutti coloro che a qualunque titolo collaborano con Bridge Insurance Services s.r.l. devono, inoltre:

  • essere, obbligatoriamente, iscritti nel Registro degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi (RUI) tenuto dall'ISVAP;
  • agire con la diligenza e la cura del buon padre di famiglia, ispirandosi a principi etici quali la lealtà, fedeltà, diligenza, solidarietà e correttezza tanto nell' esercizio della attività professionale quanto, più in generale, nella condotta della propria vita privata;
  • agire sempre nel rispetto generale delle Leggi vigenti ed, in particolare, di quelle che regolano la professione di Broker di Assicurazione; » evitare qualsiasi comportamento suscettibile di presentarsi come equivoco con i Clienti avendo come obiettivo, esclusivamente, la migliore realizzazione degli interessi della clientela e facendo comunque prevalere l'interesse di quest'ultima anche subordinando il proprio;
  • rispettare il segreto professionale ed esigere che questo venga osservato anche da parte di Collaboratori, Dipendenti e Colleghi che, possibilmente, lo coadiuvano nello svolgimento dell'attività, attenendosi anche a quanto previsto dalla normativa vigente in materia di Tutela della Privacy;
  • arricchire la propria formazione professionale mediante un costante aggiornamento, partecipando, anche, a seminari di studi, incontri, conferenze e iniziative promossi da Bridge Insurance Services s.r.l., ciò con il fine di poter offrire alla clientela una prestazione sempre aggiornata ed altamente qualificata;
  • tenere, sempre e comunque, nei rapporti professionali ed extraprofessionali un comportamento ineccepibile che sia consono a salvaguardare l'immagine della professione esercitata dall' Affiliato e, più in generale, l' immagine del Network d'appartenenza;
  • astenersi, sempre e comunque, dall' adottare forme di pubblicità scorretta e/o ingannevole nei confronti del pubblico; » astenersi nello svolgimento della attività professionale dal compiere atti di concorrenza sleale verso altri operatori del settore, anche non appartenenti al Network.
  • astenersi nello svolgimento della attività professionale dal compiere atti di concorrenza sleale verso altri operatori del settore, anche non appartenenti al Network.